Oggi | 14 dicembre 2021 10:26

Mercato residenziale sopra il livello pre-Covid

Le compravendite di case in Toscana tornano a salire dopo la flessione del 2020 e, secondo le previsioni di Ance Toscana, a fine anno potrebbero superare quota 50mila, superiore al pre-Covid (nel 2019 furono 41.370) e vicine ai livelli del 2007 (55.195), l'ultimo anno brillante.

«Il ritorno ai livelli pre-crisi del 2007 conferma che il ciclo del mercato immobiliare si svolge su onde lunghe di durata tra 12 e 15 anni», afferma l'ultimo report del centro studi Ance Toscana. La dinamica è in linea con quella italiana (si veda qui l'articolo di Toscana24 ) che è dominata dalle "sostituzioni immobiliari", cioè dagli acquisti di prime case più grandi, mentre la componente investimento resta residuale.

Nei primi nove mesi dell'anno le transazioni residenziali in Toscana sono state 37.033 (+46% rispetto allo stesso periodo 2020, quando la contrazione era stata del 15,3%). La ripresa ha interessato sia i comuni capoluogo che quelli non capoluogo. Tra le province gli incrementi maggiori si registrano a Grosseto (+87,5% le transazioni) e a Massa-Carrara (+64,4%), mentre il mercato residenziale meno effervescente è a Prato (+28,1%). Firenze nei primi nove mesi recupera il 35,6% con prezzi che, secondo Nomisma, sono rimasti stabili (-0,2%) nella seconda parte dell'anno.