Oggi | 24 novembre 2021 20:02

Mercato immobiliare, a Firenze i prezzi scendono (-0,2%)

Il mercato immobiliare italiano rialza la testa e, con più di 700mila compravendite attese per fine anno, sorpassa i livelli pre-Covid e torna ai numeri del 2007. Lo dice l'Osservatorio Nomisma sul mercato immobiliare, che sottolinea il traino delle "sostituzioni immobiliari" (si compra una prima casa più grande), mentre la componente "investimento" si ferma al 10% a causa di diffidenza e timori. Preferite le zone periferiche rispetto ai capoluoghi, per i costi più contenuti e la maggior dotazione infrastrutturale.

Ma l'andamento del mercato non è omogeneo, né nella dinamica di crescità né nei prezzi. Tra le grandi città, Firenze registra una crescita meno vigorosa nel secondo semestre 2021 che «la differenzia dalla performance media dei maggiori mercati italiani, contrassegnata dal recupero delle posizioni perse a seguito degli effetti della pandemia».

La variazione dei prezzi a Firenze si attesta in media al -0,2% su base semestrale con picchi positivi +2,3% nelle zone di pregio. Il mercato abitativo di Firenze (assieme a quello di Torino) è l'unico, tra i grandi mercati, a far registrare una variazione negativa dei prezzi medi di acquisto delle abitazioni nel secondo semestre dell'anno in corso, dopo una prima parte dell'anno contrassegnata dall'aumento. A Milano, ad esempio, i prezzi sono cresciuti del 4,1%.