Oggi | 16 novembre 2021 19:16

Firenze, Pitti Uomo&Bimbo si risveglia con 750 marchi

Nel giugno scorso le fiere internazionali della moda Pitti Uomo e Pitti Bimbo si erano unite, per la prima volta nelle stesse date e nella stessa sede fiorentina della Fortezza da Basso, per affrontare la ripartenza "dal vivo" dopo lo sconquasso del Covid.

Nel gennaio 2022, dall'11 al 13, si ripeterà (per l'ultima volta) l'accoppiata Uomo&Bimbo, anche se il clima - sanitario e di mercato - si prevede più disteso, e anche se gli espositori saranno in numero decisamente maggiore: quasi 600 i marchi della moda uomo che hanno già confermato la partecipazione alla fiera, 170 quelli del bimbo. E' atteso il ritorno dei compratori stranieri, in particolare di quelli americani (mentre gli orientali non possono ancora viaggiare a causa della pandemia). Alle fiere si entrerà col Green pass ma l'organizzazione di Pitti Immagine metterà a disposizione gratuitamente anche un servizio di tamponi rapidi per agevolare i compratori di lungo raggio.

«Siamo pronti a un'edizione brillante - hanno spiegato Claudio Marenzi e Raffaello Napoleone, presidente e amministratore delegato di Pitti Immagine, presentando le manifestazioni a Milano - che risponderà al bisogno di confronto che tutti, espositori e compratori, hanno indicato come prima ragione di partecipazione alle fiere. Sappiamo che anche nel 2022 il mercato della moda avrà alti e bassi e che dovremo abituarci a qualche schizofrenia, ma dal 2023 la ripresa sarà completa».

Quest'anno l'industria italiana della moda maschile ha cominciato la risalita, segnando +16,4% nelle esportazioni dei primi sette mesi (arrivate a 3,8 miliardi). Per recuperare i livelli pre-Covid manca ancora il 10%. Ma a generare ancora più timori dei consumi adesso sono le tensioni legate all'aumento dei prezzi delle materie prime, dell'energia e della logistica, che stanno facendo salire l'inflazione.

Riguardo alle fiere, che hanno come sponsor principale Unicredit, l'ospite speciale della 101esima edizione di Pitti Uomo sarà il marchio belga Ann Demeulemeesteer, acquistato nel 2020 dall'imprenditore milanese Claudio Antonioli che ha riportato la produzione in Italia, mentre progetti e eventi speciali saranno firmati Kiton (che presenta il nuovo marchio Knt); Caruso; Lardini (che realizza una capsule per l'occasione della fiera, avendo già presentato la collezione); Paul & Shark; Ecoalf; Ten C; Wp Lavori in corso che ha acquisito la licenza del marchio americano Filson; Save the Duck; Marc O'Polo; Premiata che dopo le sneaker si allarga all'abbigliamento.