Oggi | 15 novembre 2021 18:49

Caffè Corsini passa alla multinazionale tedesca Melitta

Il marchio aretino Caffè Corsini passa alla multinazionale tedesca Melitta, gruppo a proprietà familiare con 100 anni di storia, un fatturato 2020 di 1,7 miliardi di euro e quasi 6mila dipendenti.

La storica Corsino Corsini spa, che fa capo alla famiglia Hoffer, ha venduto il 70% del capitale per una cifra che non è stata resa nota. Patrick Hoffer resta l'amministratore delegato dell'azienda; la produzione - sottolinea un comunicato - rimarrà nello stabilimento di Badia al Pino, nel comune di Civitella Val di Chiana (Arezzo).

La torrefazione aretina, portabandiera della qualità made in Tuscany, nel 2020 ha fatturato 15 milioni di euro. Ora con questo accordo punta a crescere sui mercati internazionali, diffondendo la qualità del caffè made in Italy nel mondo.

«Melitta Group cerca attraverso eccellenze sul territorio di accrescere il proprio business - afferma Hoffer - la nostra collaborazione apre numerose prospettive e opportunità per entrambi». Prodotti e territori sono complementari. «Insieme possiamo ottenere molto più di quanto potremmo fare da soli - aggiunge l'amministratore di Caffè Corsini - la produzione e l'intera gestione dell'azienda rimangono a Badia Al Pino, senza nessuna ingerenza né revisioni di organico. Anzi, l'obiettivo è crescere e creare nuovi posti di lavoro».

«Proprio come noi, Caffè Corsini è un'azienda a proprietà familiare con una lunga tradizione e standard molto elevati di prodotto - afferma Jero Bentz, membro del chief corporate management del Gruppo Melitta -. Siamo uniti da una grande passione per il caffè, ecco perché siamo una coppia perfetta in termini di orientamento strategico, cultura e valori aziendali. La nostra esperienza ha dimostrato più volte che queste sono le migliori condizioni per un futuro di successo insieme».