Oggi | 11 novembre 2021 17:52

Ruffino riparte con un vino rosso top di gamma

Ruffino lancia un nuovo vino, Modus Primo, che vuol essere l'interprete più autentico e più "alto" della tenuta di Poggio Casciano, sulle colline vicino a Firenze, considerata la 'casa' del marchio. Il nuovo vino - un 'Supertuscan' che dunque non appartiene ad alcuna denominazione – vuol essere un upgrade rispetto al Modus, che dalla fine degli anni Novanta rappresenta Poggio Casciano, fatto coi vigneti di Sangiovese, Merlot e Cabernet. Ora i "cru" saranno destinati al nuovo Modus Primo che è appena sbarcato sul mercato, prodotto in 12-15mila bottiglie con un prezzo in enoteca superiore a 40 euro.

«Si chiama 'Primo' perché è al vertice della qualità dei nostri vini - ha spiegato l'amministratore delegato di Ruffino, Sandro Sartor, presentando il nuovo prodotto - è sempre un blend ma solo dei nostri migliori vigneti».

Quest'anno l'obiettivo dell'azienda fiorentina che fa capo al colosso americano Constellation Brands - otto tenute in Toscana e Veneto, 40 etichette e 30 milioni di bottiglie prodotte - è di crescere del 10-15%, dopo che nel 2020 il fatturato ha segnato -20% fermandosi a 106,3 milioni di euro, per il 95% all'export con la leadership negli Usa. «Torneremo ai livelli pre-Covid nel 2022», ha già annunciato Sartor. La speranza è che i nuovi lockdown in atto in alcuni Paesi, uniti alle difficoltà logistiche nell'export, non frenino la ripresa.