Oggi | 8 settembre 2021 17:56

Per Bianchi dopo Arezzo Fiere c'è Imm Carrara

In due anni è cambiata la giunta regionale della Toscana, e l'assessore delegato al sistema fieristico (da Stefano Ciuoffo a Leonardo Marras), ma la persona scelta per risanare i bilanci degli enti fieristici - o quantomeno avviare un percorso in tal senso - rimane la stessa: Sandra Bianchi (nella foto), commercialista fiorentina che per due anni e mezzo ha rivestito il ruolo di amministratore unico di Arezzo Fiere, è stata nominata oggi amministratore unico di Imm-Internazionale marmi e macchine Carrara, l'ente fiera che gestisce il polo espositivo di Marina di Carrara.

Bianchi, spiega la Regione, ha seguito le vicende di Imm dalla redazione e approvazione del piano industriale, fino all'approvazione dei bilanci 2019 e 2020: all'interno della società, partecipata per il 36,4% dalla Regione Toscana e per il 40,8% dal Comune di Carrara, prende il posto di Francesco Amedoro, amministratore unico nominato un anno fa. Il bilancio 2020 di Imm-Carrarafiere ha registrato un disavanzo di 1,2 milioni di euro, dopo il rosso di 10,6 milioni del 2019. «L'obiettivo – afferma la manager - è la messa in sicurezza della società attraverso una gestione oculata e attenta ed un contenimento dei costi. Successivamente, ma quasi di pari passo con la messa in sicurezza, si procederà al rilancio e all'organizzazione delle manifestazioni, con il coinvolgimento del personale dipendente».