Oggi | 16 luglio 2021 18:16

ShippyPro vuole un hub per l'e-commerce a Firenze

«Il nostro sogno è creare qui a Firenze il primo hub tecnologico europeo focalizzato interamente sull'e-commerce e logistica, creando un ambiente multiculturale, con talenti provenienti da ogni parte d'Italia e del mondo e un'altissima qualità di ricerca e sviluppo in ambito tecnologico». Così l'amministratore delegato di ShippyPro Francesco Borghi (a sinistra nella foto, con il cofondatore Lorenzo Rogai), annuncia il nuovo progetto della giovane società fiorentina che ha sviluppato un software che semplifica la gestione delle spedizioni per l'e-commerce.

A supportare le ambizioni di ShippyPro c'è il recente aumento di capitale da 5 milioni di dollari guidato dal fondo americano Five Elms Capital: il piano di sviluppo prevede 100 nuovi ingressi nel team (ora composto da 50 persone) entro i prossimi 12 mesi. Le posizioni aperte abbracciano ruoli che vanno dai software architect agli ingegneri specializzati in sicurezza informatica, dai product manager ai developer full stack, e poi designer, specialisti in quality assurance e data scientist. Li ospiterà il quartier generale della startup a Firenze, in borgo San Frediano, a due passi dal Lungarno, in un palazzo d'epoca del 1400 che a inizio 2020 è stato rimodernato in ottica tech ed eco-sostenibile.

L'aumento di capitale consentirà inoltre a ShippyPro di continuare a implementare la propria offerta, attraverso il rilascio di nuove funzionalità per aiutare i clienti a ottimizzare i loro processi di evasione degli ordini e risparmiare budget sulla spesa logistica, inclusa la funzionalità per la riduzione dell'impatto di CO2 delle consegne. «Il nostro software - sostiene Borghi - si integra con oltre 140 corrieri e 60 canali di vendita e ha la caratteristiche e l'ambizione di essere un'infrastruttura universale: si tratta di una sfida tecnologica importante e globale».