Oggi | 16 luglio 2021 01:44

Asev vende a Luxottica la scuola di optometria di Vinci

Pochi in Toscana sapevano finora dell'esistenza, a Vinci (Firenze), dell'Istituto di ricerca e di studi in ottica e optometria (Irsoo), storica scuola derivata dall'Istituto nazionale di ottica di Arcetri, dal 2005 finita in pancia della spa a maggioranza pubblica Agenzia per lo sviluppo dell'Empolese-Valdelsa (Asev).

Ora Asev ha perfezionato la vendita di Irsoo: l'acquirente è la multinazionale degli occhiali Luxottica di Leonardo Del Vecchio, che per la prima volta sbarca in Toscana e annuncia l'intenzione di «valorizzare un'eccellenza italiana preservandone la qualità e l'autonomia» e di «garantire supporto e risorse per sostenerne lo sviluppo futuro, a vantaggio dell'intero comparto».

Secondo l'offerta ricevuta da Asev per l'acquisto dell'intera partecipazione (e messa poi a bando dall'agenzia pubblica), il prezzo pagato per Irsoo è di 415mila euro con l'obbligo di mantenere l'attività di formazione nella sede di Vinci (in un palazzo storico in piazza della Libertà) per almeno cinque anni e di pagare un canone di locazione di 39mila euro all'anno (a partire dal 13mese dall'acquisto).

Irsoo organizza corsi di formazione di base (tra cui un percorso biennale per abilitare all'esercizio dell'attività di ottico seguito da un anno di specializzazione in optometria), di aggiornamento professionale e di formazione continua per gli operatori del settore, e svolge sperimentazione e ricerca in questi ambiti. Il direttore resterà Alessandro Fossetti, mentre presidente della scuola è stato nominato Gaetano Viciconte.

Luxottica afferma in un comunicato che «il ruolo della formazione e dell'aggiornamento professionale è oggi più che mai centrale per lo sviluppo del mercato dell'ottica, perché genera competenze e professionalità, innovazioni e capacità che possono elevare nel tempo la qualità e il livello di servizio del settore, a beneficio di ottici e consumatori».

L'ingresso in Irsoo si inserisce in un complesso di iniziative dedicate alla formazione rafforzate negli ultimi anni dal gruppo EssilorLuxottica, tra cui una piattaforma chiamata proprio Leonardo, dal nome dello scienziato-artista che nacque a Vinci dove ora la multinazionale sbarca per la prima volta.

«Potremo contare sul supporto e sulle risorse di un grande gruppo come EssilorLuxottica - afferma il presidente Viciconte - per rendere sostenibili l'offerta formativa di qualità e le strutture della scuola nel lungo periodo, oltre che per sviluppare nuove opportunità per il futuro che, grazie al digitale, valuteremo anche a livello europeo».

«Auspichiamo che l'acquisizione di Luxottica consenta di dare un futuro certo e una prospettiva di grande crescita all'istituto - aggiunge il sindaco di Vinci, Giuseppe Torchia - che potrà diventerà un luogo in cui si farà formazione d'eccellenza a vantaggio dell'intero settore».