Oggi | 9 luglio 2021 16:47

Tecnosistemi diventa società Benefit (e punta a BCorp)

Si allunga la lista di aziende di tutti i settori e tutte le dimensioni che hanno modificato l'oggetto sociale inserendo, accanto ai tradizionali obiettivi di profitto, quelli di bene comune, e dunque di attenzione alla comunità e all'ambiente. In questo modo hanno assunto la forma giuridica di 'società benefit' - sono 926 in Italia, di cui 44 in Toscana secondo i dati ad aprile 2021 - introdotta nel nostro ordinamento nel 2016.

L'ultima in ordine di tempo a diventare società benefit è la pratese TT Tecnosistemi, specializzata in software e soluzioni digitali, che il 28 maggio scorso ha modificato lo statuto in questo senso. Ora l'azienda pratese, che da tempo ha avviato un percorso virtuoso sul terreno della sostenibilità, compie il passo ulteriore: diventare BCorp (cioè Benefit Corporation) entro giugno 2022 grazie al supporto dell'Università di Bolzano, acquisendo così la certificazione americana rilasciata dall'ente no-profit B Lab, e diffusa in più di 70 Paesi e 150 settori, che analizza tutti i comportamenti aziendali misurando le performance ambientali e sociali.

«La nostra attenzione alla sostenibilità parte da lontano, fin dalla crisi finanziaria del 2008 – spiega il fondatore e amministratore delegato di TT Tecnosistemi, Riccardo Bruschi – quando abbiamo iniziato a seguire due strade: trasferire la sostenibilità ai nostri clienti attraverso i prodotti, come i sistemi di stampa che ogni ottomila pagine prevedono la piantumazione di un albero per compensare le emissioni di Co2 o le soluzioni cloud; e fare cultura all'interno dell'azienda, attraverso il bilancio sociale, le certificazioni Iso 14.000 e Emas».

Da allora la transizione verso un modello di business sostenibile non si è più fermata, anche se essere un'azienda di servizi non ha facilitato rispetto all'industria, come verrebbe da pensare, perché «misurare il miglioramento nel nostro caso è più complesso». Sulla scelta di diventare BCorp, Bruschi spiega: «E' un elemento di distinzione e di innovazione: fare una cosa quando non te lo chiede una legge dice – è una scelta di campo, vuol dire voler essere parte di un sistema virtuoso che può alimentarne un altro. E tra aziende che hanno come obiettivo la sostenibilità è più facile trovare valori comuni».

TT Tecnosistemi, 160 addetti diretti e 500 nell'indotto, nel 2020 ha fatturato 47 milioni di euro (+10%) con un margine operativo lordo di 3,3 milioni. I suoi 2.700 clienti l'anno scorso hanno piantumato nel mondo 20mila alberi grazie all'impegno collegato ai livelli di stampa. Nel futuro dell'azienda pratese ci sono acquisizioni di piccole imprese: «Entro l'estate aggregheremo una startup e una società che amplia il nostro business nella cybersecurity», annuncia Bruschi che, reduce dal percorso Elite concluso nel 2018 e forte di bilanci certificati, rating di legalità e di affidabilità finanziaria, culla il sogno della quotazione in Borsa.