Oggi | 23 giugno 2021 20:17

Arte contemporanea per promuovere le imprese

Cercare di conciliare l'arte con la concretezza del business e del fare impresa: è il principio alla base del progetto Art Enterprise, che si pone l'obiettivo di unire i temi della valorizzazione economica e culturale del patrimonio artistico e dell'arte contemporanea come strumento di promozione dell'identità e del brand dell'impresa, nonché dei beni e dei servizi offerti dalle stesse. Il progetto è stato presentato con un convegno a Firenze.

«Art Enterprise - spiega Antonio Budetta, direttore di Aria Art Gallery - sostiene le imprese nella comunicazione della propria identità tramite la creazione di collezioni d'arte contemporanea che aderiscano perfettamente al brand. E' un progetto che supera i tradizionali paradigmi pubblicitari, intendendo l'opera d'arte come veicolo sensibile in grado di esprimere la visione di un'impresa, raccontarne l'evoluzione e valorizzarne l'immagine, comunicando i punti focali sia alla società che ai clienti, così come ai propri dipendenti. Una raccolta d'arte personalizzata non è quindi solo un investimento economico, ma un potente strumento di comunicazione».

«Ad oggi, nel nostro Paese, non esistono sufficienti misure incentivanti per questo tipo di iniziative imprenditoriali, quello che più si avvicina è l'Art Bonus che però è ancora, in modo limitante, concepito come forma di mecenatismo», ha osservato a sua volta Cino Benelli, avvocato amministrativista, esprimendo l'auspicio che «vengano definite alcune misure di sostegno in sede di Pnrr, prima fra tutte una normativa ad hoc per le "corporate art collection" che, sul modello francese, permetta anzitutto alle imprese di ottenere importanti sgravi fiscali. Attualmente le piccole e medie imprese non possono permettersi di costituire fondazioni ed è importante, invece, che il Governo faccia il possibile perché questo avvenga».