Oggi | 22 giugno 2021 18:49

Prada&Zegna comprano i filati Biagioli Modesto

Per il distretto tessile di Prato è un'assoluta novità: due marchi della moda di lusso, Prada e Zegna, comprano assieme una delle storiche aziende familiari di filati per maglieria, la Biagioli Modesto di Montale, specializzata nella produzione di cashmere e filati nobili, 31,6 milioni di fatturato 2019 con 62mila euro di utile. Il valore della transazione non è stato reso noto.

L'acquisizione segna lo sbarco diretto nel distretto pratese (Montale è in provincia di Pistoia ma fa parte del distretto tessile) dei grandi marchi, che per anni ne sono stati clienti privilegiati. La famiglia Biagioli manterrà il 15% dell'azienda, il Gruppo Prada e il Gruppo Ermenegildo Zegna deterranno il 40% ciascuno, mentre il restante 5% sarà in mano al manager biellese Renato Cotto, che sarà l'amministratore delegato. Gildo Zegna, amministratore delegato del Gruppo Zegna, diventerà il presidente, mentre Franca Biagioli e Patrizio Bertelli, amministratore delegato del Gruppo Prada, saranno consiglieri di amministrazione.

Obiettivi dichiarati dell'operazione sono dare continuità, preservare il know-how, proseguire nel creare valore per il made in Italy nel mondo in nome dell'artigianalità e dell'innovazione.

Per Bertelli «questa acquisizione si inserisce nella filosofia che il Gruppo Prada ha perseguito da sempre: il controllo diretto di tutta la filiera per garantire una qualità senza compromessi in ogni singola fase del processo produttivo». Anche la sinergia tra due gruppi italiani va nella direzione «del tanto auspicato obiettivo di ‘fare sistema' nell'industria della moda italiana e del made in Italy», aggiunge Bertelli.

Gildo Zegna è particolarmente orgoglioso di questa acquisizione perché «oltre ad aggiungere alla nostra divisione tessile un'altra realtà di pregio nei filati nobili, sono affiancato in questo percorso da un grande imprenditore dell'industria della moda italiana».