Oggi | 22 giugno 2021 19:25

Bernini: «Investire nel capitale umano per la ripresa»

Le aziende socie di Confindustria Toscana sud (Arezzo, Siena, Grosseto) hanno votato all'unanimità il nome di Fabrizio Bernini, 64 anni, perito industriale del Valdarno aretino e patron di Zucchetti Centro Sistemi (robotica, software, automation) quale presidente dell'associazione per i prossimi quattro anni. L'assemblea privata, seguita da un incontro pubblico, si è svolta alla Tenuta Andana a Castiglion della Pescaia.

Bernini prende il posto di Paolo Campinoti e sarà affiancato da Fabrizio Landi (presidente della delegazione di Siena) e dal riconfermato Francesco Pacini (presidente delegazione Grosseto). Il neo-presidente ha indicato il capitale umano come fattore su cui le aziende devono investire per agganciare la ripresa e capire cosa vuole il mercato, «lavorando come un'orchestra che deve suonare insieme - ha detto Bernini - e valorizzando tutti gli elementi». Scegliere le figure giuste, in un contesto che guarda alla tecnologia e alla sostenibilità, sarà la sfida strategica per le aziende.

Un "in bocca al lupo" a Bernini è arrivato dal presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, che in videocollegamento ha ricordato che «il ritorno all'economia pre-Covid richiederà almeno un anno, ma questo non basterà perché il 2019 si era chiuso con quattro punti di Pil al di sotto del 2008, cioè 11 anni prima: adesso è il momento di avere più coraggio e più visione - ha detto Bonomi - in un contesto pieno di incognite ma anche di speranze. Senza il coinvolgimento delle imprese non ci sarà ripresa».