Oggi | 14 maggio 2021 21:53

Cisl Toscana, è Recce il nuovo leader

Formazione e politiche attive del lavoro, digitalizzazione, infrastrutture per sbloccare nuova occupazione: sono questi alcuni dei temi messi sul tavolo da Ciro Recce (a sinistra nella foto), il nuovo segretario generale della Cisl Toscana, nel suo primo intervento di fronte alla platea dl consiglio generale del sindacato, che lo ha eletto per sostituire Riccardo Cerza, leader uscente arrivato al limite statutario di 12 anni da segretario generale.

Segretario generale aggiunto della Cisl Toscana dal 2010, Recce in questi anni si è occupato principalmente di sicurezza, formazione e mercato del lavoro, e ha anche presieduto l'ente bilaterale Ebret. Il consiglio generale, riunito a Firenze alla presenza anche del segretario generale nazionale, Luigi Sbarra (a destra nella foto), ha eletto in segreteria anche Roberto Pistonina, attuale segretario generale della Cisl di Firenze-Prato, come segretario generale aggiunto, e Francesca Ricci. In apertura il consiglio generale ha osservato un minuto di silenzio, in memoria delle vittime degli incidenti sul lavoro.

«La maggiore preoccupazione in questo momento - ha affermato Recce - è che lo sblocco dei licenziamenti porti anche in Toscana una perdita di posti di lavoro importante e non ce lo possiamo permettere. Dobbiamo attivare da subito tutte le misure necessarie per fronteggiare questo pericolo». Due i fronti su cui agire, secondo il neosegretario: «Da un lato bisogna creare nuova occupazione, sbloccando le infrastrutture, sostenendo le imprese che vogliono innovare, puntando sulla digitalizzazione; dall'altro, per un mercato del lavoro che richiederà competenze sempre più tecniche, saranno necessarie vere politiche attive, formazione, per riqualificarsi, per facilitare l'occupazione e il reinserimento lavorativo. E poi bisogna che il lavoro sia "sicuro" non solo in termini di stabilità, ma anche di tutela della salute e della sicurezza».

Proprio al tema della sicurezza sul lavoro è dedicata la giornata di mobilitazione del 20 maggio, annunciata dai sindacati confederali. "Io sarò nel cantiere della galleria autostradale di Barberino di Mugello con i lavoratori edili, lavoratori di un comparto che sta registrando quasi quotidianamente vittime nei luoghi di lavoro", ha annunciato Sbarra.