Oggi | 3 maggio 2021 19:11

L'Irpet senza guida, in attesa di Sciclone

Non sono bastati quasi sette mesi al presidente della Regione, Eugenio Giani, per nominare il nuovo direttore dell'Irpet (Istituto regionale per la programmazione economica della Toscana), ruolo finora ricoperto da Stefano Casini Benvenuti che è già in pensione e che, dopo le proroghe di legge, ha cessato ufficialmente l'incarico venerdì 30 aprile.

Giani oggi ha provato a prorogare ancora, con una lettera, l'incarico a Casini Benvenuti, che non ha dato la propria disponibilità. A questo punto - con l'Irpet rimasta senza rappresentante legale - il presidente ha davanti una sola strada: avviare al più presto il procedimento di nomina del direttore, che comprende la comunicazione del nome alla Seconda commissione consiliare (Sviluppo economico e rurale), chiamata a votarlo prima della firma del decreto da parte del presidente.

Il nome più probabile è quello di Nicola Sciclone, 55 anni, vicedirettore dell'Irpet dal gennaio 2018 con una carriera tutta interna all'istituto di ricerca economica, dove è entrato come ricercatore nel 1998 e, prima ancora, a partire dal 1995, con una borsa di specializzazione.