Oggi | 30 aprile 2021 20:20

Fondazione Mps, utile 2020 sopra i 30 milioni

«Il miglior risultato degli ultimi 10 anni»: così Carlo Rossi, presidente della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, ha presentato alla stampa i numeri fondamentali del bilancio 2020 dell'ente di Palazzo Sansedoni. Un rendiconto che presenta un utile di 30,7 milioni di euro (23,9 nel 2019), con un patrimonio netto contabile di 454,8 milioni (+18,4 sull'anno precedente). Nel 2020 sono state assegnate risorse complessive per quasi 9 milioni (4,3 milioni nel 2019), di cui oltre 3 milioni destinati al sostegno alla comunità nell'emergenza Covid.

Ha giocato in positivo la chiusura del contenzioso legale con Nomura, che ha portato nelle casse della Fondazione 28 milioni di euro, ma anche senza questa transazione «il bilancio avrebbe comunque chiuso in utile per 7 milioni», ha spiegato il provveditore Marco Forte. Sul tavolo c'è anche l'azione di risarcimento da 3,8 miliardi nei confronti di Banca Mps. E proprio per il futuro di Rocca Salimbeni «potrebbe essere utile trovare l'accordo per una transazione», ha osservato Rossi, secondo cui però «la prima mossa spetta all'azionista».

Con l'approvazione del consuntivo 2020 si è chiuso il mandato 2017-21 della deputazione generale. Il nuovo organo di indirizzo, nominato ieri, potrebbe riunirsi per la prima volta il 13 maggio. La nuova deputazione generale è composta da Riccardo Baccheschi, Monica Barbafiera, Alessandro Manganelli, Margherita Anselmi Zondadari (designati dal Comune di Siena); Leonardo Brogi, Serena Signorini (Provincia di Siena); Paolo Chiappini (Regione Toscana); Maurizio Casiraghi (Università di di Siena); Franco Guerri (Arcidiocesi di Siena - Colle Val d'Elsa - Montalcino); Remo Grassi (Camera di Commercio Arezzo-Siena); Andrea Erri (Università per Stranieri di Siena); Serenella Pallecchi (Consulta del volontariato Provincia di Siena); Patrizia Asproni (ministero della Cultura); Anna Loretoni (Irpet).

A sua volta, la Fondazione Cr Firenze ha rinnovato parte del proprio comitato d'indirizzo, con nuovi componenti designati dall'assemblea dei soci e dalle istituzioni. I soci, riunitisi oggi, hanno scelto Giovanni Busi (presidente Consorzio Vino Chianti), Marco Carini (professore emerito dell'Università di Firenze), Lorenzo Coppini (ad di B&C Speakers), Elisabetta Fabri (presidente di Starhotels), Luca Guicciardini Corsi Salviati (vice presidente Consorzio Latte Maremma), Giovanni Manetti (presidente Consorzio Chianti Classico). Le istituzioni hanno invece designato Barbara Baldasseroni (Accademia Toscana di scienze e lettere la Colombaria), Aldo Maria Cursano (Camera di Commercio di Firenze), Antonio De Crescenzo (Comune di Empoli), Maurizio Frittelli (Comune di Firenze); confermati per il secondo mandato Luigi Lucherini (Comune di Arezzo) e Luigi Paccosi (Città metropolitana di Firenze).