Oggi | 28 aprile 2021 10:03

Le Bcc di Iccrea chiamano a raccolta i soci

Apre oggi, 28 aprile, la Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana, chiude il Banco Fiorentino il 30 aprile: è la tre giorni che vedrà la maggior parte delle banche di credito cooperativo toscane aderenti alla Federazione regionale e al gruppo Iccrea tenere le assemblee dei soci per l'approvazione dei rispettivi bilanci 2020.

Questo il calendario delle seconde convocazioni: oggi Bvlg e Banca dell'Elba; il 29 aprile Chiantibanca, Vival Banca e Banca Valdichiana; il 30 aprile Banco Fiorentino, Banca Alta Toscana, Banca del Valdarno, Banca di Anghiari e Stia, Bcc di Pontassieve, Banca Tema, Banca di Pisa e Fornacette, Banca di Pescia e Cascina.

Si terrà invece il 4 maggio l'assemblea di Banca Centro Toscana Umbria, nata dall'aggregazione tra Banca Cras e Bcc Umbria, che ha chiuso l'esercizio 2020 con un utile superiore a un milione di euro. Le prossime aggregazioni in vista sono quelle fra Banca Tema e Banca Valdichiana (che dall'inizio di aprile hanno Fabio Becherini come direttore generale di entrambe), e fra Banca Alta Toscana e Banco Fiorentino.

Quest'ultima Bcc, presentando il progetto di bilancio 2020 che sarà sottoposto al voto dei soci, ha annunciato che è «in corso di valutazione» il progetto di fusione con la consorella, «con il preciso intento di rafforzarsi ulteriormente, per meglio conseguire la propria mission e il proprio ruolo di banca al servizio della comunità a sostegno dell'economia locale», confermando le motivazioni espresse da Banca Alta Toscana (qui l'articolo di Toscana24 ). Banco Fiorentino ha chiuso il 2020 con un utile netto di 3,344 milioni di euro, una raccolta totale da clientela pari a 1,59 miliardi di euro (+7,8%) e impeghi stabili a quota 842,4 milioni: sale la copertura dei crediti deteriorati (dal 65,65% del 2019 all'82,13% del 2020), scende il Gross Npl Ratio (dal 15,04 al 11,20%).