Oggi | 28 aprile 2021 19:52

Ecco le date delle fiere 'dal vivo' targate Pitti

Ci siamo. Dopo timori, speranze e spostamenti di date, e dopo l'ultimo decreto legge Covid che ha fissato la riapertura delle fiere "in presenza" il prossimo 15 giugno, la società Pitti Immagine fissa le date dei saloni estivi della moda a Firenze, "chiusi" dal gennaio 2020 a causa della pandemia.

Si ripartirà dal Pitti Filati, che si terrà dal 28 al 30 giugno: una fiera di nicchia seppur ad alta creatività, che nei tempi d'oro ospitava un centinaio di marchi in gran parte italiani, e che questa volta ambirà ad averne almeno la metà nella nuova sede della Stazione Leopolda, più "intima" e affascinante con la sua natura post-industriale.

Il 30 giugno, ultimo giorno di Pitti Filati, apriranno Pitti Uomo e Pitti Bimbo, nella stessa sede della Fortezza da Basso, per concludersi il 2 luglio (dunque dureranno tre giorni). Il Pitti Uomo, la più importante rassegna al mondo della moda uomo, celebra la centesima edizione puntando ad avere almeno 300 marchi, contro i 1.200 che esponevano le collezioni pre-Covid, e qualche migliaio di compratori tra italiani, europei e - chissà - magari qualche americano: nell'ultima edizione estiva del giugno 2019 i buyer erano stati 18.500 e i visitatori totali avevano raggiunto quota 30mila. Il Pitti Bimbo, salone che riflette la crisi della moda junior, tenterà di trovare nuova linfa con una selezione di marchi innovativi.

In settembre, dal 17 al 19, si terrà poi il salone Fragranze dedicato alla profumeria artistica alla Stazione Leopolda.

Le nuove date dei saloni di Pitti «sono il frutto di un approfondito confronto con le organizzazioni internazionale dei grandi appuntamenti di moda – spiega in un comunicato l'ad Raffaello Napoleone – e in particolare col sistema italiano, inclusi i saloni dei prodotti tessili, per evitare sovrapposizioni e costruire un calendario con una logica di mercato». La Fashion Week di Milano dedicata all'uomo, ha annunciato la Camera della moda che la organizza, si svolgerà dal 18 al 22 giugno e comprenderà sia eventi digitali che eventi fisici con presenza di pubblico. Ancora incerta invece la data di Milano Unica, la grande fiera tessile che si tiene due volte all'anno.

Il presidente di Pitti Immagine, Claudio Marenzi, si dice «consapevole delle responsabilità che, tornando per primi al formato fisico delle fiere, abbiamo nei confronti dell'intero settore moda e delle istituzioni che hanno mostrato grande fiducia e considerazione verso il nostro lavoro». Le fiere applicheranno i protocolli di sicurezza messi a punto in questi mesi, con in più green pass o tamponi fatti nelle 48 ore precedenti o tampone rapido all'ingresso e percorsi a senso unico.