Oggi | 22 aprile 2021 20:36

Vino, le Anteprime col tampone (o certificato vaccinale)

Il Governo ha deciso, col decreto legge appena varato, di consentire la ripartenza delle fiere internazionali "in presenza" dal 15 giugno (e il salone fiorentino Pitti Uomo sarà uno dei primi in Italia a riaprire i battenti) e dei congressi a partire dal 1 luglio. Eppure le Anteprime dei vini toscani - appuntamento ormai consolidato per presentare le nuove annate in commercio, frequentato (anche) da giornalisti internazionali - si terranno prima di quelle date, cosa possibile grazie alla revisione della formula a cui stanno lavorando in questi giorni la Regione Toscana con la Camera di commercio di Firenze e i consorzi vinicoli.

Le date delle Anteprime restano fissate dal 14 al 21 maggio. Il pubblico, come già annunciato da Toscana24, non ci sarà, così come non ci saranno i ristoratori e i titolari di enoteche: le presentazioni- degustazioni dei vini toscani saranno dirette solo a un numero limitato di giornalisti, e dunque si trasformeranno in appuntamenti di lavoro.

Il calendario sarà aperto da PrimAnteprima, organizzata dalla Regione il 14 maggio alla Fortezza da Basso con i consorzi "minori; il 15 maggio toccherà al Chianti e al Morellino di Scansano; il 16 maggio e il 17 mattina al Brunello; il 17 maggio nel pomeriggio e il 18 sarà la volta del Nobile di Montepulciano; il 19 maggio della Vernaccia di San Gimignano; il 20 e il 21 maggio chiuderà il Chianti classico che, per l'occasione, si sposterà dalla Stazione Leopolda di Firenze al chiostro di Santa Maria Novella.

Gli organizzatori sono al lavoro per definire i protocolli Covid da applicare per garantire la sicurezza: le ipotesi su cui stanno ragionando Regione e Camera di commercio di Firenze prevedono l'ingresso a PrimAnteprima con un certificato vaccinale, un tampone fatto nelle 48 ore precedenti o un tampone rapido eseguito all'ingresso alla Fortezza da Basso. I giornalisti potranno degustare i vini seduti alle postazioni, con servizio sommelier (non ci saranno le aziende). Alcuni consorzi e enti organizzeranno conferenza stampa secondo i protocolli Covid.