Oggi | 20 febbraio 2020 20:00

Morelli lascia (a scadenza) il Monte dei Paschi

Il ministero dell'Economia e delle finanze si prepara a indicare un nuovo amministratore delegato per Banca Monte dei Paschi di Siena, al 68% nel portafoglio dello Stato (che deve uscire entro il 2021 in base agli accordi con l'Unione europea). Il mandato di Marco Morelli (nella foto), 58 anni, scadrà infatti con l'assemblea di bilancio prevista il 6 aprile e oggi, 20 febbraio, l'ad ha informato il consiglio di amministrazione e il comitato di direzione della banca che non è disponibile al rinnovo, come già comunicato al Governo.

«E' stata un'esperienza di tre anni e mezzo umanamente e professionalmente straordinaria - afferma Morelli in un comunicato -. La banca ha riconquistato il posto che merita sul mercato grazie al contributo di tutti i colleghi, del management e dei membri del Cda, tutti ben coscienti che Mps è un'importante realtà del Paese».

Mps ha chiuso il 2019 con una perdita di 1,033 miliardi di euro, a fronte dell'utile di 279 milioni realizzato lo scorso anno. Sul risultato pesa la svalutazione per 1,2 miliardi di euro delle Dta (attività fiscali differite), già attesa dal mercato. L'utile netto operativo della banca è stato di 323 milioni (+3,3%) mentre l'utile ante imposte è stato di 53 milioni (a fronte di una perdita di 109 milioni nel 2018).