Oggi | 18 novembre 2019 18:05

Il maltempo fa danni, è stato d'emergenza regionale

Passato il peggio per l'ondata di maltempo che ha colpito la Toscana nell'ultimo weekend, comincia la conta dei danni per famiglie e imprese. Il presidente della Regione Enrico Rossi ha firmato la dichiarazione dello stato d'emergenza regionale per tutto il territorio regionale sulle province di Arezzo, Pisa, Grosseto, Siena, Lucca, Massa, Pistoia, Prato, Livorno e Città metropolitana di Firenze: nelle prossime ore sarà chiesta al Governo un'analoga dichiarazione di emergenza nazionale, consentendo così di attivare finanziamenti e di velocizzare le procedure a favore sia dei soggetti pubblici che privati.

Per la ricognizione puntuale dei danni, i Comuni interessati dovranno raccordarsi con le Province e le Prefetture che coordineranno l'invio delle schede danni affinché la Regione Toscana possa attivarsi più rapidamente possibile per l'assegnazione delle risorse nel rispetto delle procedure previste dal Codice della Protezione civile.

Fra le province più colpite c'è Grosseto, dove l'esondazione di alcuni torrenti ha causato danni all'agricoltura per 3 milioni di euro - e semine a rischio - secondo quanto riferisce Confagricoltura. «Siamo pronti a bussare alla Regione Toscana per attivare interventi a sostegno delle imprese», spiega il presidente di Confagricoltura Grosseto, Attilio Tocchi, auspicando che «le condizioni meteo migliorino, per non aggravare le difficoltà di una agricoltura che rischia di non poter effettuare le semine per l'impossibilità ad entrare nei campi».

Il presidente della delegazione empolese di Confcommercio Firenze, Alessandro Costagli, osserva che «è ancora presto per quantificare i danni, ma per qualcuno si parla purtroppo di diverse migliaia di euro, perché l'acqua ha sciupato merce, arredi, attrezzature»: da qui la proposta di «creare in convenzione con gli enti pubblici una assicurazione per danni da calamità naturali per le imprese del territorio». Il consiglio a tutti è di documentare bene i danni, con fotografie e altri documenti fiscali e tecnici che potranno rivelarsi utili, in vista dell'apertura delle pratiche per chiedere gli aiuti che verranno stanziati.