Oggi | 10 settembre 2019 15:29

Fondi europei per le Pmi orientate al carbon-free

«La lotta ai cambiamenti climatici passa anche dalle Pmi che rappresentano il tessuto produttivo della nostra regione e possono dare un contributo importante in termini di sostenibilità ambientale». Lo ha affermato Federica Fratoni, assessore all'ambiente della Regione Toscana, aprendo a Firenze la due giorni dedicata al progetto europeo di cooperazione interregionale Sme Power, di cui è capofila l'Agenzia Regionale Recupero Risorse, società in house della Regione Toscana.

Obiettivo del progetto Sme Power, finanziato dall'Ue nell'ambito del Programma Interreg Europe, è migliorare l'efficacia dei fondi Fesr dedicati alle politiche di incentivazione degli interventi delle Pmi per ridurre i consumi di energia e le emissioni di CO2 e definire politiche pubbliche che guidino le Pmi attraverso le fasi di investimento necessarie per migliorare l'efficienza energetica nei loro processi produttivi.

«Per questo il progetto Sme Power rappresenta un'occasione importante – ha sottolineato l'assessore - che ci permette di usufruire di fondi europei per sostenere la transizione verso un efficientemente energetico, con la conseguente riduzione dei costi da parte delle aziende, e soprattutto contribuire alla riduzione delle emissioni di carbonio. Siamo orgogliosi che capofila del progetto sia Arrr, l'agenzia regionale da gennaio é stata rinnovata e si occupa anche di energia avendo riassunto le competenze delle agenzie provinciali».

Fratoni ha ricordato che la Toscana, attraverso i bandi Fesr rivolti alle Pmi per incentivare efficienza energetica negli edifici e nei processi produttivi, ha finanziato più di 300 domande e assegnato contributi per circa 20 milioni di euro.