Oggi | 13 dicembre 2021 09:14

«Costo energia quadruplicato, è una speculazione»

«Si parla di aumenti del 40% o del 50%: non capisco perché la gente non parli di quello che realmente si sta verificando, ovvero che i costi della bolletta si stanno quadruplicando» a causa di un fenomeno che secondo gli analisti è di «pura speculazione finanziaria». Stavolta l'allarme sul caro-energia arriva da Andrea Fabianelli, vicepresidente di Confindustria Toscana Sud e presidente del Consorzio Energia Toscana Sud, che gestisce i contratti di fornitura di energia elettrica e gas naturale alle imprese, e offre servizi per la gestione ottimale di tutte le fonti energetiche utilizzabili in azienda.

«Ancora non c'è percezione di quello che sta accadendo», sostiene Fabianelli, che fa l'esempio della sua azienda, attiva nel campo alimentare: «La bolletta di 100.000 euro mensili arriverà a 400.000, e di questo ritmo quante sono le imprese che riusciranno a sopravvivere? E' chiaro che le aziende non potranno ribaltare tutto questo sui propri clienti e non tutte saranno in grado di sopravvivere ad un tale salasso. E la situazione non è certo destinata a migliorare». Negli ultimi mesi infatti le bollette dell'energia elettrica e del gas «sono aumentate rispettivamente del 200% e del 350%», afferma l'imprenditore, e «la cosa drammatica è che questi valori di incremento tengono già conto della prolungata riduzione degli oneri generali di sistema concessi dal Governo».

Una situazione che ha portato anche il Consorzio Energia Toscana Sud a cambiare strategia per il 2022: «Anche quest'anno, aver negoziato dei prezzi fissi ha almeno consentito alle nostre aziende di subire il rincaro in modo posticipato, rispetto a tante altre realtà che già dal 2021 si sono affidate ad un prezzo variabile. Viste però le attuali condizioni di mercato, per l'anno 2022 abbiamo deciso di non contrattare energia a prezzi fissi e di partire invece a prezzo variabile. In questo modo, ci lasciamo la possibilità di poter fissare dei prezzi nel momento in cui il mercato scenderà, augurandoci che ciò avvenga il prima possibile».