Oggi | 8 ottobre 2021 10:25

Giga Grandi Cucine in liquidazione, 40 a rischio

Giga Grandi Cucine va in liquidazione, e i suoi 40 addetti sono licenziati. E' quanto la proprietà dell'azienda di Scandicci (Middleby Corporation) ha comunicato al sindacato, a pochi giorni dal tavolo in Regione sulla vertenza, convocato per l'11 ottobre. I lavoratori hanno indetto immediatamente uno sciopero, e hanno dato vita a un presidio di protesta davanti all'azienda in via Pisana, con la partecipazione del sindaco Sandro Fallani.

L'azienda produce attrezzature industriali per la ristorazione, ricorda una nota, e dal 2008 è stata acquisita dalla multinazionale americana Middleby Corporation: da tempo i lavoratori sono in regime di ammortizzatori sociali, che però si esauriranno definitivamente il 2 gennaio 2022. «Ad agosto si è dimesso il manager del sito - lamenta la Fiom-Cgil - l'unica figura dirigenziale di riferimento ai tavoli per la proprietà, e i lavoratori di fatto continuano a produrre piani cottura e altre attrezzature in autogestione. Ad oggi c'è la cassa integrazione, ma a gennaio terminerà e non ci sono possibilità di attivare nuovi ammortizzatori sociali».

La Regione Toscana, dal canto suo, sta meditando su una possibile reindustrializzazione con nuovi investitori, sebbene i precedenti non ispirino grande ottimismo. «Vogliamo attivare un percorso con istituzioni e sindacati per trovare una soluzione che salvaguardi il sito produttivo, siamo pronti a farlo con Middleby ma, se necessario, anche ricercando nuovi soggetti», ha dichiarato Valerio Fabiani, consigliere speciale del presidente Eugenio Giani.