Oggi | 9 settembre 2021 20:19

«L'energia costa sempre di più, così niente ripresa»

Non solo materie prime, componentistica e trasporti: le imprese manifatturiere stanno incontrando ostacoli sul percorso di ripresa post-Covid per l'incremento del costo dell'energia elettrica e del gas metano. L'allarme è di Confindustria Toscana Nord, secondo cui nel confronto col 2019 il prezzo dell'energia elettrica registra un incremento che supera il 70%, mentre il gas metano arriva addirittura a sfiorare aumenti del 90%.

«Dal cartario alla moda, dalla metalmeccanica alla chimica-plastica, dall'alimentare al lapideo, siamo tutti, necessariamente, consumatori di energia o gas o entrambi», osserva il vicepresidente di Confindustria Toscana Nord con delega all'energia, Tiziano Pieretti, guardando alla realtà dei territori di Prato, Pistoia e Lucca. «Le imprese - spiega - lavorano costantemente sul risparmio energetico e sull'efficientamento degli impianti produttivi; dall'altro lato i nostri consorzi e gruppi di acquisto stanno operando molto bene per cogliere ogni opportunità di ottimizzazione dei costi. Anche il Governo è intervenuto per mitigare almeno in parte il carico fiscale sull'energia elettrica, dove questo è particolarmente ingente».

L'associazione chiede però «un profondo ripensamento delle politiche nazionali» in tema di energia, «diffondendo e potenziando la termovalorizzazione dei rifiuti» visto che l'energia prodotta non rientra nel calcolo della CO2, «soluzione che consentirebbe anche di risolvere il problema dello smaltimento di questi ultimi. Un tema, quello della termovalorizzazione, che soprattutto nella nostra regione incontra ostacoli numerosi e incomprensibili. Ma è tutto il macrotema della transizione energetica che richiederebbe da parte della politica nazionale e locale attenzioni maggiori di quelle che sembrano esserle riservate. L'impennata dei costi energetici, la cui durata è ad oggi imprevedibile e che costituisce un vero e proprio macigno sulla via della ripresa, sia uno stimolo in questa direzione».