Oggi | 23 luglio 2021 11:24

L'export dei distretti recupera (quasi) ai livelli pre-Covid

L'export dei distretti toscani nel 2021 ha imboccato la strada del recupero (dopo la debacle del 2020 pari al -20,9% in valore), e nel primo trimestre ha messo a segno +13,6%, un dato superiore a quello dell'intero export regionale (+11,3%) e nazionale (+4,6%). I risultati permettono di recuperare quasi per intero i livelli del primo trimestre 2019: il gap dell'export distrettuale toscano è del -2,6%, pari a 123 milioni.

La buona performance è 'certificata', come di consueto, dal report trimestrale di Intesa Sanpaolo (Monitor distretti) che segnala la Toscana, nel confronto con le altre regioni a forte vocazione distrettuale, «per l'incremento più elevato in termini assoluti di esportazioni distrettuali (+559 milioni di euro)».

Fondamentale è stato il traino della Cina, mercato in cui l'export cresce di 75 milioni rispetto al periodo pre-Covid (+61,4%) grazie agli acquisti di borse e abiti dei consumatori cinesi che non possono uscire dal Paese per l'emergenza Covid. Proprio il sistema moda, trinante per la Toscana, è quello che mette a segno un recupero importante: bene le borse, le scarpe, gli abiti e l'oreficeria, mentre restano in sofferenza la concia di Santa Croce sull'Arno e il tessile di Prato.

Bene anche l'agroalimentare, la nautica e i camper. Ritardi marcati per il sistema-casa e per la filiera della meccanica.

«Le attese per i prossimi mesi sono di un progressivo rafforzamento del commercio internazionale con prospettive di recupero dei livelli pre-Covid già durante il 2021 - afferma il report - per diversi settori: le imprese distrettuali dovranno cogliere le opportunità presenti sui mercati internazionali, dove gli scambi sono in forte accelerazione e inoltre dovranno cercare di intercettare i nuovi modi di consumo e i diversi canali di vendita».

«Nel primo trimestre dell'anno la Toscana spicca per l'incremento più elevato in termini assoluti di export distrettuale - afferma Luca Severini, direttore regionale Toscana e Umbria Intesa Sanpaolo - Il nostro obiettivo è favorire ulteriormente l'accesso al credito per le Pmi in questa cruciale fase di ripresa del ciclo produttivo».