Oggi | 19 aprile 2021 16:01

Tre commissari per le grandi opere (non per la Tirrenica)

Tutto come previsto tre mesi fa: nel primo elenco di opere commissariate dal Governo per accelerarne la realizzazione (ora c'è finalmente il decreto di nomina firmato dal premier Draghi: in tutta Italia sono 57 per un valore di 83 miliardi di euro) ce ne sono solo tre toscane. Sono la superstrada 'Due Mari' Grosseto-Fano, che avrà come commissario Massimo Simonini, amministratore delegato di Anas; la Darsena Toscana, cioè l'ampliamento a mare del porto di Livorno, che avrà come commissario il neo presidente dell'Autorità portuale del Mar Tirreno settentrionale, Luciano Guerrieri; e il raddoppio della ferrovia Pontremolese, che è stato affidato alle cure di Mariano Cocchetti, dirigente di Rfi-Fs.

Nell'elenco non c'è invece - come già era emerso nei mesi scorsi - il Corridoio tirrenico Livorno-Civitavecchia, per il quale il Governo ha annunciato da tempo la volontà di revocare la concessione a Sat per affidare a Anas la realizzazione dei tratti mancanti (soprattutto i 90 km oggi a due corsie nel tratto Grosseto sud-Ansedonia). Un percorso che evidentemente si sta rivelando più lungo e tortuoso del previsto.

La partita però non è chiusa, perché ora il ministro Enrico Giovannini sta lavorando al secondo elenco di opere da commissariare, che dovrebbe arrivare entro fine aprile dopo il confronto con Parlamento e Regioni. E qui potrebbero arrivare delle sorprese. Nel frattempo la Regione Toscana tace, anche se la lista delle opere "incompiute" nel territorio regionale è davvero lunga.