Oggi | 1 aprile 2021 21:39

La Toscana progetta un hub per combattere le pandemie

C'è una sola regione in Italia che ha sul proprio territorio tutta la varietà di aziende che servono per costruire una filiera per combattere le pandemie: ricerca scientifica, sperimentazione, produzione di vaccini, di anticorpi monoclonali e di immunoglobuline, infialamento e confezionamento, fino alla distribuzione (con la futura piattaforma logistica regionale) e alla diagnostica. Quella regione è la Toscana, che ha deciso di giocare una carta ambiziosa.

La Regione ha chiamato a raccolta tutte queste aziende - farmaceutiche, diagnostiche e di dispositivi medici - per cominciare a discutere un progetto di "sistema" diretto a sviluppare attività e prodotti contro il Covid-19 e altre pandemie, ma anche a tutelare la salute post-Covid, progetto che potrebbe essere proposto al Governo per la richiesta di finanziamenti.

Al tavolo c'erano le imprese toscane di Farmindustria, della rete Pharma Valley e di Confindustria-dispositivi medici: Menarini, Kedrion, Eli Lilly, Molteni, Diesse Diagnostica, Aboca, Esaote, Abiogen, Fondazione Toscana Life Sciences e Gsk Vaccines, insieme con gli assessori Simone Bezzini (Sanità) e Leonardo Marras (Attività produttive).

L'obiettivo - spiega un comunicato della Regione - è iniziare un percorso di lavoro. «Investiremo sulla qualità delle proposte - ha detto il presidente della Regione, Eugenio Giani, che nei giorni scorsi aveva rivolto un appello alle aziende toscane per accelerare l'impegno nella lotta al Covid - e le porteremo da subito all'attenzione del Governo e, in particolare, al tavolo avviato dal ministro dello Sviluppo economico proprio su questi temi». Giani pensa alla creazione di un 'ecosistema dei vaccini', e sogna un'autosufficienza della Toscana nei cicli di ri-vaccinazione per i prossimi anni «riducendo la dipendenza dall'estero e ricostruendo filiere di ricerca e di produzione su scala territoriale».

Ora che il tavolo operativo - coordinato da Paolo Tedeschi per conto della presidenza della Regione in collaborazione con Fondazione Tls in qualità di gestore del distretto toscano sulle scienze della vita - è aperto, la sfida è farlo funzionare.