Oggi | 30 marzo 2021 17:27

Salvatore Ferragamo, Ferruccio lascia la presidenza

Cambio della guardia in vista al vertice della maison Salvatore Ferragamo: se Michele Norsa e Micaela Le Divelec Lemmi sono avviati a rimanere al loro posto (rispettivamente, vicepresidente esecutivo e amministratore delegato), Ferruccio Ferragamo (nella foto) lascerà la presidenza in favore del fratello Leonardo, in un turnover dei membri della famiglia in consiglio d'amministrazione, con l'assemblea che sancirà il passaggio fissata per il 22 aprile. Il nome del 76enne Ferruccio, infatti, non è nella lista per il rinnovo del Cda della maison presentata da Ferragamo Finanziaria, la holding di famiglia che ne detiene il controllo.

Al contrario, la lista è capitanata proprio da Leonardo, il cui nome precede quelli di Norsa e Le Divelec Lemmi. In rappresentanza della famiglia, oltre a Leonardo Ferragamo, ci sono Giacomo "James" Ferragamo (figlio di Ferruccio) e Angelica Visconti (figlia di Fulvia, riconfermata), nell'ambito di una sorta di ricambio interno alla famiglia che vede l'uscita di Giovanna Ferragamo, figlia di Salvatore, e di Diego Paternò Castello di San Giuliano, figlio di Fiamma. La rosa dei dieci candidati di Ferragamo Finanziaria per il Cda è completata da Peter Woo (già in consiglio), per il socio Majestic Honour Limited, e da quattro consiglieri indipendenti: Umberto Tombari (già in consiglio), Patrizia Michela Giangualano, Marinella Soldi e Frederic Biousse.

«Si tratta di un passo rilevante - si legge in una nota - nel processo di cambiamento in fase di realizzazione che vede da una parte Ferragamo Finanziaria concentrare la sua attività di direzione e coordinamento nella individuazione, promozione e monitoraggio dei valori fondanti ed identitari a cui Salvatore Ferragamo si dovrà ispirare e, dall'altra, la valorizzazione della autonomia strategica e di gestione della Salvatore Ferragamo per affrontare le rilevanti sfide del futuro». Oltre alla lista dell'azionista di maggioranza, è stata presentata la lista di Sgr e investitori istituzionali titolari di oltre l'1,7% delle azioni ordinarie della società, con i nomi di Anna Zanardi e Armando Branchini.

Il cambio al vertice non è però l'unica novità a cui si appresta la maison fiorentina: è dato in uscita il direttore creativo Paul Andrew, che secondo quanto riporta la stampa di settore dovrebbe lasciare Salvatore Ferragamo dopo aver completato la pre-collezione per la primavera 2022, ai primi di maggio. Andrew era entrato a far parte della maison nel settembre 2016, a 37 anni, come design director Calzature Donna, promosso dopo un anno a direttore creativo Donna, e nominato direttore creativo il 21 febbraio 2019.