Oggi | 18 marzo 2021 01:20

The Italian Sea Group, buon 2020 in vista della Borsa

Un bilancio positivo per affacciarsi alla Borsa (qui l'articolo di Toscana24 ): nel 2020 The Italian Sea Group ha realizzato ricavi totali pari a 116,4 milioni di euro, in crescita del 16,1% rispetto al 2019, accumulando contratti dei lavori in corso su ordinazione al 31 dicembre 2020 per un totale di 605 milioni, di cui circa 286 milioni relativi a nuovi contratti firmati (shipbuilding e refit) nel corso dell'esercizio 2020. Sono attualmente in produzione 19 fra yacht e megayacht, per un backlog di 432 milioni che corrisponde a 3,7 volte i ricavi netti della divisione shipbuilding del 2020.

L'Ebitda del gruppo nautico toscano, che opera con i marchi Admiral, Tecnomar e Nca Refit, è pari a 14,5 milioni, in crescita del +49,8% anno su anno, con un margine sui ricavi del 12,5% rispetto al 9,7% dell'esercizio 2019, principalmente per effetto del maggior sfruttamento della leva operativa. L'Ebit è stato pari a 9,4 milioni, più che raddoppiato rispetto ai 4,5 milioni del 2019. Il risultato netto è positivo per a 6,2 milioni, contro gli 0,43 milioni del 2019. L'indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2020 è pari complessivamente a 3,8 milioni, in miglioramento rispetto ai 12,2 milioni del 31 dicembre 2019, per effetto della maggior generazione di cassa dell'anno.

«Nonostante la grave pandemia – commenta Giovanni Costantino, fondatore e amministratore delegato di The Italian Sea Group – scoppiata la scorsa primavera e ancora in corso, abbiamo assunto 96 dipendenti e ottenuto ottimi risultati a conferma della solidità del nostro modello di business e del crescente apprezzamento da parte di tutti gli operatori del settore dell'altissima qualità dei nostri yacht e dei servizi offerti all'interno del nostro cantiere. Il nostro Dna si contraddistingue da sempre per la capacità di offrire una totale esperienza nel mondo del lusso, fatta di qualità, attenzione ai dettagli, design, arte, innovazione e prestigio, caratteristiche che rappresentano l'essenza del vero Made in Italy».