Oggi | 2 marzo 2021 17:24

Regione, ecco i direttori (con qualche sorpresa)

A cinque mesi dalla sua elezione, il presidente della Regione, Eugenio Giani, ha nominato i responsabili delle 15 direzioni strategiche che nei mesi scorsi ha riorganizzato (e aumentato di numero). Sono tre donne e dodici uomini, destinati ad affiancare il direttore generale Paolo Pantuliano (già nominato al posto di Antonio Barretta).

Gli incarichi sono - solo in alcuni casi - frutto di una selezione pubblica (il termine di presentazione delle domande è scaduto il 20 febbraio scorso) e hanno tutti la durata di un anno, rinnovabile fino a un massimo di cinque anni. Il trattamento economico è di 130mila euro (al netto degli oneri riflessi) compresivo del premio di risultato.

Molte sono le riconferme rispetto alla precedente Giunta Rossi, ma ci sono anche alcune sorprese.

Conferme per Carlo Rinaldo Tomassini alla direzione Sanità, welfare e coesione sociale, al termine di una selezione tra sei candidati; per Edo Bernini all'Ambiente e energia, anche qui dopo una selezione tra quattro candidati; per Aldo Ianniello all'Urbanistica (in questo caso non si è fatta alcuna selezione pubblica); per Enrico Becattini alla direzione Mobilità, infrastrutture e trasporto pubblico locale (senza selezione pubblica); per Giovanni Massini alla Difesa del suolo e protezione civile (senza selezione); per Albino Caporale alla direzione Attività produttive (senza selezione); per Paolo Giacomelli alla direzione Programmazione e bilancio (senza selezione); per Lucia Bora (senza selezione pubblica) come avvocato generale dell'Avvocatura regionale, alla quale ora sono stati aggiunti Affari legislativi e giuridici; per Roberto Scalacci alla direzione Agricoltura e sviluppo rurale, scelto dopo una selezione tra sei candidati; per Francesca Giovani (scelta dopo una selezione tra 11 candidati) alla direzione Istruzione, formazione, ricerca e - adesso - anche Lavoro, che nella scorsa legislatura era una direzione a sé.

Nuovo incarico (senza alcuna selezione pubblica) per Elena Pianea, a capo della direzione Beni istituzioni, attività culturali e sport, finora guidata da Roberto Ferrari che dal 1 febbraio scorso è diventato direttore del Museo Galileo di Firenze; per Gianluca Vannuccini, neo direttore Sistemi informativi, infrastrutture tecnologiche e innovazione (scelto dopo una selezione con otto candidati, in arrivo dal Comune di Firenze); debutto per Giovanni Palumbo (nella foto) alla direzione Organizzazione, personale, gestione e sicurezza sedi di lavoro (dopo una selezione tra 18 candidati), in arrivo dall'Istituto degli Innocenti dove era direttore generale e prima ancora, tra il 2014 e il 2015, capo della segreteria tecnica del presidente del Consiglio Matteo Renzi.

La nuova direzione Opere pubbliche è affidata all'ingegner Michele Mazzoni (scelto con una selezione tra 11 candidati), mentre l'altra direzione di nuova creazione dedicata a Competitività territoriale e Autorità di gestione, per la quale è in pole position Paolo Tedeschi, non è ancora stata assegnata e per adesso è tenuta ad interim dal direttore generale Pantuliano, in attesa che il Consiglio regionale approvi la modifica alla legge 1/2009 che allarga le maglie dei requisiti per la scelta dei direttori regionali, già approvata dalla Giunta e da mesi in attesa del varo definitivo. La norma prevede - tra le esperienze professionali richieste dopo una laurea magistrale - non solo lo svolgimento di incarichi dirigenziali per almeno cinque anni in enti o aziende pubbliche o private (com'era finora), ma anche (ed è la novità) «esperienze, di durata almeno quinquennale, nei settori della ricerca e della docenza universitaria o delle magistrature». I requisiti "allargati" sono contenuti in una norma nazionale del 2001 (l'articolo 19 del decreto legislativo 165/2001) che finora non era stata recepita dalla Toscana.

Infine, nella riscrittura del potere regionale operata da Giani, il contratto a Enrico Maria Mayrhofer, capo dell'ufficio di Bruxelles della Regione Toscana, che è scaduto il 15 febbraio 2021, non è stato rinnovato.