Oggi | 15 febbraio 2021 18:40

Aspettando OroArezzo, lo show-business va online

Modelle che indossano gioielli in un palazzo d'epoca romana, Palazzo Lambardi nel centro storico di Arezzo, oggi sede della boutique Sugar di Beppe Angiolini, cercando di suscitare suggestioni cinematografiche e interesse commerciale. Lo spettacolo, raccolto in un video interattivo (mutuato dal mondo della moda ma innovativo per quello della gioielleria), servirà a mostrare via web agli operatori internazionali le novità delle collezioni delle aziende orafe del made in Italy.

Lo show andrà in onda il 23 marzo e si chiamerà 'We are jewellery'. L'idea è della società fieristica Ieg che - in attesa del ritorno "in presenza" di Oro Arezzo annunciato per il 12-15 giugno nel quartiere fieristico aretino - ha collaborato con Beppe Angiolini, fino all'ottobre 2019 art director di Gold/Italy, la rassegna sorella minore di OroArezzo che già aveva sperimentato una piattaforma digitale di matching.

Il nuovo format b2b digital «consentirà ai buyer internazionali di visualizzare nel dettaglio ogni singolo pezzo presentato, esaminare schede e dettagli di prodotto, navigare tra le informazioni dall'azienda produttrice ed entrare in contatto diretto con le aziende, anche nelle settimane successive all'evento», afferma Ieg.

Il progetto 'We are jewellery' gode del supporto del ministero degli Affari esteri e dell'Agenzia Ice e prelude, secondo gli organizzatori, alla ripartenza a pieno regime del settore dell'oreficeria e della gioielleria nazionale.