Oggi | 2 febbraio 2021 19:46

Terme Montecatini, investitori cercasi (con un progetto)

La società Terme di Montecatini prova a sollecitare, attraverso un nuovo bando pubblico, l'interesse degli investitori a valorizzare gli immobili termali non strategici che già da tempo intende dismettere: 25 lotti, per un valore complessivo di stima pari a 37,2 milioni, dalle Terme Leopoldine (7,6 milioni) con lo scavo delle piscine progettate dall'architetto Massimiliano Fuksas e mai finite, alle Terme Excelsior (5,9 milioni); dalle Terme La Salute (5,7 milioni) alle Terme Tamerici (2,4 milioni) e poi istituti di cura, palazzine, le serre, un'edicola, il parco pubblico (1,4 milioni), un circolo di tennis, il minigolf e un ex campo pratica di golf.

Il bando appena pubblicato - più "elastico" di quello del settembre scorso perché ammette offerte condizionate a eventi successivi (anziché soltanto proposte irrevocabili d'acquisto) - prevede la presentazione di un progetto completo di funzioni, tempi, investimenti, modifiche urbanistiche necessarie alla realizzazione dell'intervento.

Le proposte d'acquisto - da presentare entro il 31 marzo - potranno riguardare uno o più lotti e saranno valutate tenendo conto del prezzo offerto e delle condizioni a cui vengono subordinate. La proposta che sarà accettata dalla società Terme di Montecatini (il 64,3% è della Regione Toscana, il restante 35,7% del Comune di Montecatini) guidata dall'amministratore Alessandro Michelotti verrà poi messa in gara e il proponente avrà il diritto di prelazione.

Il nuovo bando arriva dopo le avances fatte nei mesi scorsi da Guild Living, operatore inglese che fa capo al gruppo finanziario Legal & General insieme con un team di esperti in design, wellness e sviluppo immobiliare, che ha avanzato l'ipotesi di trasformare Montecatini in una cittadella "a misura" di anziani, realizzando un centro della longevità hi-tech (ad esempio con sensori integrati nel pavimento che dai passi valutano lo stato di salute degli inquilini) formato da residenze, ristoranti, negozi, palestra, piscina in cui poter trascorrere una later life attiva, comoda e indipendente. Guild Living sta già sviluppando due progetti di questo tipo in Inghilterra - a Bath, nel Somerset e a Epsom, nel Surrey – e ora ha messo gli occhi su Montecatini convinto del fatto che abbia le caratteristiche e dimensioni giuste.

Il bando servirà a sondare l'interesse reale di Guild Living, e le sue eventuali richieste. Per le Terme di Montecatini, gravate da 30 anni di bilanci in rosso, dipendenti in calo, tentativi di rilancio falliti, potrebbe essere la svolta.