Oggi | 13 novembre 2020 21:23

Il Mise firma, Inso e Sof sono di Fincantieri

Adesso c'è anche la firma: con un decreto datato 12 novembre il ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l'aggiudicazione dei complessi aziendali facenti capo a Inso, inclusa la controllata Sof, dal gruppo Condotte a Fincantieri Infrastructure. Quest'ultima procederà con la costituzione di una newco al cui capitale parteciperanno la stessa azienda del gruppo Fincantieri, con una quota pari al 90%, e Sici Sgr in rappresentanza della Regione Toscana per la restante quota.

Il contratto di cessione, la cui stipula era stata anticipata nei giorni scorsi da Il Sole 24 Ore , prevede l'integrale trasferimento di tutte le commesse ricomprese nel portafoglio di Inso e Sof, l'implementazione del Piano Industriale elaborato dai commissari per il rilancio e lo sviluppo del gruppo, il mantenimento per 3 anni dei livelli occupazionali: sono stati stabilizzati circa 450 lavoratori, pari al 100% del personale delle due società. L'operazione di cessione prevede il trasferimento dell'intero portafoglio esistente, che ammonta a circa 1,4 miliardi di euro, di cui circa 1 miliardo relativo ad Inso composto da 26 commesse, di cui 13 relative all'esecuzione di contratti di progettazione e costruzione; circa 420 milioni di euro in capo alla controllata Sof, di cui circa il 90% per commesse ad oggi già avviate.

«L'intervento coordinato dalla presidenza di Regione Toscana e da Fincantieri - ha commentato il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani - nonché il dialogo con i commissari dell'amministrazione straordinaria, nel rispetto dei ruoli, consente di raggiungere un risultato non scontato salvaguardando un patrimonio industriale, di competenze nella progettazione di opere ed infrastrutture, nonché un portafoglio di commesse tra le quali figurano importanti ospedali da realizzare anche in Toscana. Si tratta di un'operazione non speculativa che, salvando Inso, in realtà crea i presupposti per delle ricadute industriali aggiuntive nel territorio su cui avremo modo di lavorare assieme a Fincantieri. Il coinvolgimento di Sici rappresenta anche una nuova modalità per risolvere crisi aziendali nell'ambito di una visione territoriale più ampia e non solo emergenziale».

Inso negli ultimi anni ha registrato un fatturato medio pari a circa 150 milioni, mentre Sof nel solo 2019 ha registrato un fatturato di 37,5 milioni con un carico di lavoro pari a circa 400 milioni, di cui circa il 60% legato a contratti di concessione avente durata molto estesa compresa tra i 20 e i 30 anni.