Oggi | 14 ottobre 2020 19:07

Regione, aiuti all'agriturismo (senza click day)

In campo agricolo, la Regione Toscana cambia il criterio di distribuzione degli aiuti anti-crisi a fondo perduto, abbandonando il 'click day' (cioè il metodo a esaurimento: chi prima arriva, meglio alloggia) che tante proteste aveva sollevato nei giorni scorsi da parte di Confartigianato Firenze, Cna Firenze metropolitana e Azione Ncc, preoccupati per la penalizzazione delle piccole aziende (si veda qui ).

Nel bando diretto alle aziende agrituristiche e alle fattorie didattiche, già aperto e in scadenza il 6 novembre, la Regione ha stanziato 17,3 milioni prevedendo contributi da 2mila a 7mila euro per impresa a seconda delle attività esercitate (pernottamento, ristorazione, degustazione, attività di servizio per le comunità locali, fattoria didattica).

Ma i contributi - che saranno assegnati senza criteri di selezione «visto che la finalità del bando è dare supporto alle aziende colpite dagli effetti del Covid-19» - non andranno solo a chi presenta più velocemente la domanda, come successo nel bando regionale sugli aiuti agli investimenti da 115 milioni; o in quello regionale (che si aprirà domani, 15 ottobre) per la filiera del turismo da 5 milioni; o in quello della Camera di commercio di Firenze per distribuire 375mila euro sotto forma di voucher del progetto "Ripartiamo insieme".

Questa volta i soldi andranno a tutti i richiedenti: se la dotazione finanziaria fosse inferiore - precisa il bando - i contributi saranno ridotti proporzionalmente per finanziare tutte le domande pervenute dalle aziende.