Oggi | 29 settembre 2020 19:50

Un master per manager dell'innovazione marittima

Un percorso multidisciplinare della durata di dodici mesi (300 ore di lezione più un tirocinio in azienda di 500 ore) per formare profili professionali altamente qualificati, in grado di gestire tutti gli aspetti - tecnici e tecnologici, legali e manageriali - fondamentali per guidare l'innovazione del settore marittimo, portuale e logistico. E' l'obiettivo del master di primo livello, Smart and sustainable operations in maritime and port logistics, presentato stamani alla Fortezza Vecchia di Livorno.

Il master è nato su idea di Federmanager ed è stato sviluppato (nell'ambito dell'iniziativa ForMare Toscana) dall'Università di Pisa con la Camera di commercio della Maremma e del Tirreno e con l'Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno settentrionale.

Le iscrizioni si chiuderanno l'11 gennaio, il master partirà a febbraio 2021 (lezioni in presenza il venerdì e il sabato). Il corso costa 4.000 euro ed è previsto il rimborso anche integrale grazie ai voucher della Regione Toscana. Il direttore del master, che si rivolge a laureati, non laureati (che potranno partecipare da uditori), professionisti e manager, è Davide Aloini.

Sei i moduli: digitalizzazione nel settore marittimo, della contrattualistica, delle assicurazioni marittime, dell'organizzazione dei porti e dei trasporti marittimi, del management e della internazionalizzazione.

«E' un importante salto di qualità nella filiera formativa - afferma il dirigente Formazione dell'Authority, Claudio Capuano - si tratta di una iniziativa nata in tempo di lockdown, che permette di ampliare le competenze di quelle figure manageriali di cui oggi un'impresa ha bisogno per interpretare i cambiamenti in atto».