Oggi | 25 settembre 2020 17:41

Pmi all'assalto degli aiuti: 115 milioni esauriti in 9 ore

Sono bastate nove ore per esaurire i contributi a fondo perduto - in tutto 115 milioni - che la Regione Toscana ha stanziato per sostenere gli investimenti delle micro, piccole e medie imprese toscane.

Il bando gestito da Sviluppo Toscana prevedeva la presentazione delle domande solo online a partire da ieri, 24 settembre, alle ore 9, con l'assegnazione delle risorse in ordine cronologico di ammissione dell'agevolazione. E' stato un assalto: il gran numero di accessi ha mandato in tilt il sistema online, e ci sono stati rallentamenti e vari problemi segnalati dagli utenti. Alle ore 18,15 le risorse disponibili erano già esaurite.

Il sistema online continuerà a raccogliere progetti per i due giorni successivi al raggiungimento delle risorse, fino alle ore 17 di sabato 26 settembre.

I contributi a fondo perduto coprono il 40% degli investimenti (che devono essere minimo 20mila euro, massimo 200mila) sostenuti - a partire dal 1 febbraio 2020 - da micro, piccole e medie aziende e da liberi professionisti per restaurare immobili, migliorare l'efficienza energetica, acquistare macchinari, attrezzature, mobili, software, dispositivi di protezione individuale, mezzi mobili utili alla produzione, e per progettare i lavori. I fondi andranno per il 70% al settore manifatturiero e per il 30% al settore turismo, commercio, terziario.

I beneficiari non devono aver licenziato dipendenti dal 1 febbraio e si devono impegnare a non farlo nei 12 mesi successivi al finanziamento, data entro cui dovranno anche concludere i lavori oggetto di contributo.

Il bando è stato alimentato grazie alla riprogrammazione dei fondi europei Por-Fesr che non erano ancora stati spesi, e che la Regione ha contrattato con Bruxelles (si veda qui ).