Oggi | 5 settembre 2020 14:19

Fondi europei ''rimodulati'', ora aiuti all'economia

Con la firma sulla rimodulazione di fondi europei per oltre 264 milioni di euro rispetto all'originaria destinazione (e per fondi del Cipe messi a disposizione per rifinanziare i progetti Fesr e Fse "deprogrammati"), al fine di orientarli da subito verso i settori che più hanno risentito della pandemia, si apre la strada alla pubblicazione dei bandi della Regione Toscana per il sostegno all'economia a fronte dell'emergenza Covid. I bandi, spiega la Regione, saranno pubblicati quasi tutti fra il 15 e il 16 settembre: la firma sull'accordo di rimodulazione è stata apposta oggi dal governatore Enrico Rossi e dal ministro per la Coesione territoriale Giuseppe Provenzano.

Su 264 milioni la voce più consistente (141 milioni) è destinata a sostenere le attività economiche, con 115 milioni per contributi a fondo perduto per le Pmi che abbiano sostenuto, a partire da febbraio 2020, investimenti materiali ed immateriali. Saranno ammessi progetti da 20mila ad un massimo di 200mila euro, finanziati da un minimo del 40% all'80%. Sono previsti anche interventi di sostegno alla digitalizzazione (10 milioni), alle realtà operanti nelle aree interne (6 milioni) e per il sostegno delle aziende del turismo che più hanno risentito della crisi (10 milioni). Altri 70 milioni saranno destinati all'emergenza sanitaria; 30 milioni al sostegno delle fasce delle popolazione a rischio, a partire dagli aiuti alimentari destinati ai comuni di media e piccola dimensione; 13 milioni ai lavoratori del settore privato e con figli fino a sei anni; 5,7 milioni di indennità per i tirocini sospesi. Cinque milioni saranno investiti su scuola e formazione: 3,7 milioni per l'acquisto di attrezzature e 1,3 milioni sulle competenze digitali.

Al di là della riprogrammazione, la Toscana investirà anche 6 milioni e mezzo per sostenere la promozione e altri 5 milioni per il sostegno alla valorizzazione delle politiche di ambito territoriale. Inoltre la giunta ha già provveduto a dare il via a misure di sostegno per l'accesso al credito che avranno un valore di 10 milioni, anch'essi non ricomprese nella riprogrammazione. Altri 4,83 milioni arrivano dal bilancio regionale, a seguito dell'assestamento, per l'edilizia scolastica, altri 10 milioni per il sostegno al traffico aereo per il turismo in entrata, 1,288 milioni per il sistema neve e 1,1 milioni per eventi turistici.