Oggi | 24 luglio 2020 10:33

Le Pmi toscane sono le meno digitali d'Italia

Le Pmi della Toscana, secondo 120 parametri riguardanti l'uso degli strumenti digitali, sono le meno digitalizzate d'Italia, insieme a quelle di Abruzzo e Sicilia, e Massa Carrara e Arezzo sono le province più indietro in assoluto: è quanto afferma la seconda edizione del Pmi Digital Index stilato da GoDaddy, secondo cui la regione ha compiuto un passo indietro rispetto al 2019.

La ricerca fotografa il grado di maturità digitale delle Pmi italiane analizzando 120 parametri di 4.000 imprese in tre categorie principali: Digital Presence Quality, che misura aspetti tecnici come la Seo; Reputation Index, che misura la popolarità digitale dell'azienda; Digital Marketing Index, che misura le azioni di visibilità digitale messe in piedi dall'azienda.

«I dati di quest'anno - spiega Gianluca Stamerra, responsabile di GoDaddy per Italia, Spagna e Francia - dimostrano una moderata propensione alla digitalizzazione da parte delle Pmi: permane ancora un utilizzo poco evoluto e strategico degli strumenti di digital marketing a supporto della visibilità dell'azienda e soprattutto delle attività di vendita e di relazione con i clienti». Secondo Stamerra «probabilmente l'emergenza sanitaria di quest'anno, che ha portato ad un cambiamento nelle abitudini di acquisto da parte dei consumatori, all'aumento del commercio elettronico e all'utilizzo dei servizi digitali, aumenterà la consapevolezza delle Pmi sull'importanza di puntare maggiormente sulla propria digitalizzazione».