Oggi | 10 luglio 2020 16:53

Sarti: «Per il tessile spiragli di ottimismo»

Se da una parte la fiera fiorentina di moda maschile Pitti Uomo, riprogrammata il 2-4 settembre, è stata cancellata, dall'altra Milano Unica sceglie di confermare il salone dei tessuti al polo fieristico di Rho che era stato spostato all'8 e 9 settembre.

E i produttori tessili di Prato, tradizionalmente presenti in forze (circa 80 partecipanti) a Milano, applaudono: «La conferma ufficiale dell'appuntamento di settembre di Milano Unica è una buona notizia, che si aggiunge alla già fissata Première Vision», dice Maurizio Sarti, neo presidente della sezione Sistema moda di Confindustria Toscana nord (Prato, Pistoia, Lucca), interpretandola come il segnale che «i protagonisti delle fiere, dalle imprese alle stesse società organizzatrici, percepiscono un clima favorevole a una ripresa della normalità e una grande voglia di riacquistare slancio dopo questi mesi così drammatici sul piano sanitario e economico».

Anche alcuni piccoli incontri b2b organizzati a Milano e nel distretto di Prato, secondo Sarti, hanno mostrato «una certa vivacità che fa ben sperare» e «aprono spiragli di ottimismo». «La situazione sanitaria internazionale non può lasciarci tranquilli - conclude - ma come imprese siamo pronti a cogliere ogni occasione per proporci ai mercati».