Oggi | 29 giugno 2020 18:32

Confindustria Giovani, due vicepresidenti toscani

Due imprenditori di Arezzo diventano vicepresidenti nazionali dei Giovani Imprenditori di Confindustria: sono Eleonora Anselmi (nella foto), 37 anni, già presidente dei Giovani Imprenditori della Toscana, direttore operativo dell'azienda familiare di accessori metallici per la moda Chimera Gold; e Francesco Fumagalli, 37 anni, attuale presidente dei Giovani Imprenditori di Arezzo, consigliere di amministrazione di Grafiche Badiali.

Anselmi e Fumagalli faranno parte della squadra del nuovo presidente Riccardo Di Stefano, eletto venerdì scorso, con gli altri sei vicepresidenti Licia Angeli (Confindustria Romagna), Maria Anghileri (Confindustria Lecco Sondrio), Mario Aprile (Confindustria Bari), Andrea Marangione (Unione Industriale Torino), Pasquale Sessa (Confindustria Salerno) e Alessandro Somaschini (Confindustria Bergamo).

Anselmi avrà la delega a education e sostenibilià; Fumagalli quella alla comunicazione. «E' un grande onore entrare a far parte della squadra di Riccardo Di Stefano – afferma Anselmi - contraddistinta da grande competenza e importante profilo industriale. Fare impresa in Italia non è sempre facile, ma dobbiamo ripartire dai fattori di competitività e dal consolidamento della nostra manifattura: prendere coscienza della nostra identità per orientare la programmazione del territorio».

«Il consenso ricevuto dai nostri colleghi ci ha fatto molto piacere- afferma Fumagalli - è una grande soddisfazione e un grande privilegio; lavoreremo insieme a tutta la squadra per portare avanti le istanze del nostro programma e per affrontare le sfide che questa durissima crisi ci sta ponendo davanti».

Soddisfatto anche il presidente della delegazione di Arezzo in Confindustria Toscana sud, Fabrizio Bernini: «Lieti e orgogliosi di questo importante traguardo - dice - considerando che ben due giovani imprenditori aretini entrano a far parte del consiglio di presidenza nazionale del Movimento: a Eleonora e Francesco gli auguri di buon lavoro che, sono sicuro, porteranno avanti con la determinazione e l'impegno che li ha sempre contraddistinti».