Oggi | 16 giugno 2020 19:32

Porto di Livorno, traffici -16% nei primi 4 mesi

Il mese di aprile ha aggravato la contrazione dei traffici causata dal Covid, e così il porto di Livorno chiude il primo quadrimestre con -15,9% di merce movimentata (10,2 milioni di tonnellate) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

I dati dell'Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno settentrionale indicano cali per tutti i traffici, merci e passeggeri: i container (-4,7% al netto delle operazioni di trasbordo); i rotabili (-15,9% i traghetti merci); le auto nuove (-32% quelle movimentate); le rinfuse (-29% quelle liquide, -8,9% quelle solide); i traghetti passeggeri (-59%) e le crociere (-79%).

L'unica eccezione sono i prodotti forestali, cresciuti del 9,9% (564mila tonnellate) grazie all'aumentata domanda di fazzoletti di carta, asciugatutto e carta igienica nella fase di emergenza Covid, prodotti dalle cartiere di Lucca.

«L'andamento mensile del traffico rotabile, di auto nuove e passeggeri - afferma l'Authority - ha messo in evidenza come ad aprile la situazione sia ulteriormente peggiorata rispetto al mese precedente. Per altri traffici, come quello dei contenitori e dei forestali, si sono invece conseguiti risultati positivi».

Il fatto che i container abbiano segnato +3,5% ad aprile (dopo che nel primo trimestre erano calati dell'8%, si veda qui ) apre qualche speranza. «Sarà importante verificare se tale l'andamento sarà confermato nei prossimi mesi a seguito soprattutto delle riduzioni di frequenze degli scali annunciate da alcune compagnie di navigazione anche per il porto di Livorno», dice l'Authority.