Oggi | 6 aprile 2020 19:18

Rossi spinge per la riapertura ''sicura'' delle imprese

Mentre con un'ordinanza si introduce l'obbligo di indossare la mascherina chirurgica monouso per uscire di casa, la Regione Toscana invita le imprese a presentare piani per la riapertura in sicurezza delle attività produttive ora sospese. L'annuncio viene dal governatore Enrico Rossi: «Mandateci i piani della sicurezza - ha detto, parlando a Tgcom24 - noi li valuteremo, e poi apprenderemo anche noi se c'è la possibilità di fissare regole generali per tutta la Toscana, questo è il mio contributo al dibattito sulla riapertura anche a livello nazionale».

Rossi ha spiegato che «fermo restando tutte le competenze nazionali, e quelle delle prefetture», come Regione «noi faremo una valutazione con i nostri dipartimenti di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro: se sono sicuri, se i nostri tecnici igienisti diranno che si può, io penso che possiamo anche stabilire una data nella quale l'attività si riprende. Naturalmente deve esserci la sicurezza dentro la fabbrica, fondamentale, ma anche la sicurezza del movimento da casa al lavoro, perché se il mondo si riempie nuovamente e troppo rapidamente di movimenti il rischio che il contagio si allarghi diventa forte».

Più in generale, per la ripresa economica in Toscana dopo l'emergenza Coronavirus, secondo il presidente della Regione bisogna «costruire 100mila, 150mila posti di lavoro che solo l'ente pubblico può provare a mettere in campo attraverso politiche di investimenti nel settore idrogeologico, nel settore della sicurezza sismica, nella ristrutturazione delle città, nelle opere pubbliche che devono essere accelerate sul modello Genova; ma penso anche a investimenti nella formazione, nell'università».

L'obbligo di mascherina per chi uscirà di casa, sempre in caso di necessità come fare la spesa o per motivi di salute, scatterà appena i Comuni avranno ultimato la distribuzione di 8 milioni e mezzo di questi dispositivi di protezione alla cittadinanza. «Abbiamo dato un tempo massimo di 7 giorni per la distribuzione - ha spiegato Rossi in un videomessaggio - Naturalmente speriamo che tutto questo possa avvenire il prima possibile».