Oggi | 24 marzo 2020 08:34

Pharmanutra archivia un 2019 di crescita

Prosegue la crescita degli affari di Pharmanutra, l'azienda pisana degli integratori quotata al mercato Aim di Borsa Italiana, il cui Cda ha approvato il progetto di bilancio d'esercizio 2019 con 53,6 milioni di euro di ricavi netti (+15% rispetto al 2018), un Mol di 13,2 mln (+12% sul 2018 restated) e un risultato netto di 8,5 mln (+8% sul 2018 restated), con la proposta all'assemblea di un dividendo pari a 0,46 euro per azione.

Malgrado la tempesta del Coronavirus «PharmaNutra non si ferma, anzi, continua a crescere», sostiene il presidente Andrea Lacorte. «Dopo una straordinaria partenza nei primi due mesi dell'anno - sottolinea il vicepresidente Roberto Lacorte - al momento PharmaNutra non solo sta mantenendo la sua posizione di mercato, ma sta lavorando per essere più forte e produttiva appena gli effetti del Covid-19 passeranno».

L'azienda rientra nel novero delle attività produttive considerate essenziali, e dunque non sottoposte ai provvedimenti di chiusura disposti dal Dpcm del 22 marzo. Due settimane fa, inoltre, Pharmanutra si è offerta di fornire a titolo gratuito i prodotti SiderAl H e ApportAl alle terapie intensive di tutte le strutture ospedaliere che ne faranno richiesta. Ad oggi, segnala l'azienda, «non si registrano criticità nel rispetto dei tempi di consegna da parte delle officine di produzione e nei servizi logistici. Per quanto riguarda l'attività commerciale, il canale delle farmacie e delle parafarmacie è pienamente operativo».