Oggi | 18 marzo 2020 13:25

Cisa inventa il sistema per riutilizzare le mascherine

Arriva il sistema che potrebbe risolvere il problema della carenza di mascherine negli ospedali. L'ha inventato Cisa, azienda lucchese specializzata nella produzione di centrali di sterilizzazione per strumenti chirurgici: «Con una semplice modifica delle centrali di sterilizzazione già presenti negli ospedali, si può riuscire a disinfettare tutti i tipi di mascherine monouso già utilizzate, così da avere la garanzia di rimozione del Coronavirus», spiega l'ad Antonio Veronesi.

La conseguenza è che le mascherine potranno essere riutilizzate più volte dagli stessi medici e infermieri che le hanno indossate (saranno identificate col nome, come si fa con gli zoccoli che vengono puliti ogni giorno). Non si tratta di una sterilizzazione (impossibile perché richiederebbe una temperatura di 120 gradi) ma di una profonda disinfezione che garantisce l'assenza del virus. Il sistema - testato nel centro ricerca e sviluppo dell'azienda lucchese parte di Faper Group di Fabio Perini - è in attesa di validazione da parte dell'Istituto superiore di sanità ma è già stato richiesto da diversi ospedali lombardi, toscani e pugliesi. Cisa (20 milioni di fatturato, 86 dipendenti) ha deciso di proporre questo servizio di modifica delle centrali di sterilizzazione al solo costo aziendale, per dare il proprio contributo alla lotta al Coronavirus.