Oggi | 26 febbraio 2020 19:56

Pitti rinnova il vertice e sposta due fiere (Taste e Testo)

L'assemblea di Pitti Immagine nomina il nuovo consiglio di amministrazione - confermando per il triennio 2020-2022 il presidente Claudio Marenzi e altri sette amministratori, più i nuovi ingressi di Antonella Mansi (diventata vicepresidente) e di Niccolò Ricci - e decide il rinvio dei due saloni previsti in marzo alla Stazione Leopolda di Firenze.

Dopo tre giorni di riflessione, il dado è tratto. Taste, il salone dedicato alle eccellenze del gusto arrivato alla quindicesima edizione, che era fissato dal 7 al 9 marzo, si svolgerà dal 5 al 7 giugno 2020. Testo, il salone al debutto che avrebbe dovuto raccontare come si produce un libro, previsto il 20-22 marzo, si terrà il 10-13 giugno. E' questo il rinvio che brucia di più, considerata la formula innovativa.

Lo spostamento in giugno peraltro va a precedere di pochi giorni il Pitti Uomo (16-19 giugno) che - si è saputo ieri - dovrà fare i conti col Salone del Mobile di Milano, che è stato spostato dalla originaria data di aprile. Sarà questa la sfida più ardua, anche se sono all'orizzonte accordi tra le due rassegne, auspicati dall'assessore fiorentino alla Cultura, Tommaso Sacchi.