Oggi | 21 febbraio 2020 19:30

«Servizi pubblici al centro dell'agenda regionale»

Il settore industriale delle aziende di servizio pubblico locale in Toscana vanta un valore della produzione di 4,1 miliardi di euro, circa il 3% del Pil toscano contando anche l'indotto, occupa 18.736 addetti e investe oltre 600 milioni di euro l'anno: i dati, relativi al 2018, sono stati resi noti oggi da Confservizi Cispel Toscana, presentando il Rapporto annuale sull'analisi dei bilanci delle performance economiche delle aziende toscane di settore, elaborato dall'istituto Utilitatis.

Secondo il presidente dell'associazione, Alfredo De Girolamo, i numeri del settore «sono la base della proposta che avanziamo alle forze politiche e sociali in vista delle prossime elezioni regionali: le utilities toscane a1 centro dell'agenda economica regionale, con investimenti, innovazione e occupazione di qualità in tutti i settori». Per De Girolamo il mondo dei servizi pubblici locali «aumenta gli investimenti mentre gli investimenti pubblici e privati in Toscana arretrano, e aumenta l'occupazione, stabile e qualìflcata, mentre il dato generale toscano vede difficoltà occupazionali e aumento dei lavori precari».