Oggi | 7 febbraio 2020 21:27

Barilla-Petti, salta l'affare per Venturina

E' saltato a sorpresa l'accordo fra il gruppo Barilla e il gruppo alimentare campano Petti per la cessione del 75% di Italian Food Spa al colosso alimentare emiliano: le parti «hanno deciso consensualmente di non procedere al perfezionamento dell'accordo di partnership oggetto di comune valutazione nei mesi scorsi», secondo quanto si legge in una nota congiunta.

Una svolta inaspettata, dopo che lunedì 3 febbraio l'Autorità garante della concorrenza e del mercato aveva dato il suo via libera all'operazione. Il piano prevedeva l'acquisizione da parte di Barilla del controllo esclusivo su Italian Food da realizzarsi in tre fasi successive. «Italian Food - si legge ancora - continuerà il proprio percorso di valorizzazione della filiera del pomodoro toscano. Barilla continuerà a valutare con interesse opportunità di sviluppo coerenti con il proprio core business».

Italian Food, azienda di pomodoro della famiglia salernitana Petti con uno stabilimento a Venturina Terme (Livorno), con un fatturato intorno ai 62 milioni di euro, produce sia per il mercato del private label, sia una linea premium a marchio Petti di conserve, passate e polpe di pomodoro da materia prima al 100% coltivata in Toscana e poi lavorata a basse temperature. Due giorni fa l'azienda aveva cancellato 25 licenziamenti nello stabilimento di Venturina, con un accordo che prevedeva l'inserimento di un ulteriore turno di lavoro per garantire la continuità occupazionale ai lavoratori stagionali.