Oggi | 4 febbraio 2020 17:55

Nautica: tecnologie e materiali a Marina di Carrara

Gli organizzatori lo chiamano l'"hub tecnico toscano" perche i due saloni Seatec (alla 18esima edizione) e Compotec (alla 12esima) che prendono il via domani, 5 febbraio, alla fiera di Marina di Carrara (fino a venerdì 7), organizzati da Imm-CarraraFiere, presentano la filiera della subfornitura nautica e dei materiali compositi.

Su richiesta delle aziende e degli addetti ai lavori, le fiere hanno abbandonato la collocazione d'inizio aprile e sono state anticipate di due mesi. Si tratta dell'unico salone b2b dedicato al settore nautico in Italia e nell'Europa mediterranea, che vuol rispondere alle richieste dell'industria cantieristica.

La novità è l'area "Shipyard lounge" a disposizione dei cantieri navali italiani per incontri tecnici con la filiera della subfornitura: hanno già aderito Sanlorenzo, Cantieri del Pardo, Rossinavi, Rossini, Gruppo Ferretti, The Italian Sea group, Benetti Yachts, Cantiere navale Franchini, Ccn-Cerri cantiere navale, Lloyd Werft Bremerhaven, Nca Refit, Rosetti superyachts, Seven Stars marina & shipyard, T.Mariotti.

Tra gli espositori di Seatec ci sono nomi leader della filiera della componentistica made in Italy fra i quali Besenzoni, Opac Mare, Gianneschi Pump&Blowers, Foresti e Suardi, Samos; per la motoristica Saim e Cummins, Incofin, Jdm Jolly Drive; tra le associazioni Assonat, la rete dei marina italiani. Nel segmento delle startup brilla DeepSpeed, rivoluzionario motore elettrico a getto che esprime alta potenza in un piccolo volume.

Tra gli espositori di Compotec figurano Resintex, T&T, Elantas, Mapes e, per la prima volta in Italia, l'azienda giapponese Yuho.

L'anno scorso la manifestazione contò 5.300 incontri b2b, 4.500 visitatori, 358 brand della catena di fornitura presenti, 190 buyer internazionali invitati dall'Ice.