Oggi | 8 gennaio 2020 14:46

Morto Gallanti, guidò il porto di Livorno

Giuliano Gallanti, presidente dell'Autorità portuale di Livorno dal 2011 al 2015, e poi subito dopo commissario fino al marzo 2017, è morto oggi all'età di 80 anni. Sotto la guida dell'avvocato genovese il porto labronico ha visto l'approvazione nel 2015 del nuovo piano regolatore, e l'inaugurazione nel 2016 del nuovo terminal di Livorno Darsena, che ha consentito il collegamento ferroviario diretto tra il porto e la linea Tirrenica. Ancora incompiuto è invece il progetto della Darsena Europa, opera prevista proprio nel piano regolatore: nel 2016 Gallanti presentò insieme al governatore toscano Enrico Rossi (con lui nella foto) il bando per il project financing.

Consigliere regionale in Liguria per il Pci (poi Pds) dal 1985 al 1995, e vicepresidente della Regione nel 1994-95, Gallanti è stato presidente del Porto di Genova per due mandati (dal 1996 al 2004), dove aveva varato nel 2001 il piano regolatore dello scalo chiamando architetti di fama internazionale come Rem Koolhaas, Manuel de Solà-Morales, Marcel Smets, Bernardo Secchi, a ripensare le zone portuali e quelle di confine con la città. Gallanti ha inoltre guidato per 4 anni Espo, l'associazione dei porti europei. Per ricordarlo si terrà una funzione il 10 gennaio a Genova, al tempio laico del cimitero di Staglieno.

«Lo ricordo con gratitudine e stima», ha commentato Rossi, esprimendo cordoglio per la scomparsa di Gallanti, e sottolineando che sotto la sua guida il porto di Livorno «riconquistò concrete prospettive di sviluppo».