Oggi | 26 novembre 2019 14:11

Unicoop Firenze sperimenta un filtro aria ''naturale''

Dopo la prima installazione di un prototipo alla Manifattura Tabacchi, la "Fabbrica dell'Aria" sviluppata da Pnat, spin-off dell'Università di Firenze guidato dal neurobiologo vegetale Stefano Mancuso, debutta in via sperimentale in uno spazio pubblico, il punto vendita di Novoli di Unicoop Firenze nel capoluogo toscano. La sperimentazione durerà sei mesi, e da gennaio 2020 coinvolgerà anche il reparto pescheria.

Oggi il ricambio dell'aria all'interno dei supermercati è garantito da un sistema di ventilazione meccanica forzata, che comporta un consistente consumo di energia: la serra da indoor del progetto di Pnat, che ospita piante tropicali sempreverdi dalle grandi foglie, e che ha un impianto di irrigazione e luci al led, oltre a un sistema di controllo per il monitoraggio costante della qualità dell'aria, sfrutta il principio per cui le piante sono naturalmente in grado di trattenere e degradare le molecole inquinanti sia inorganiche, sia organiche. Obiettivo della sperimentazione è valutare l'efficacia ed efficienza del filtro "naturale" delle piante nel contesto di uno spazio pubblico densamente popolato.

«Siamo molto fiduciosi che questo sistema riuscirà a risolvere in una maniera pulita, energeticamente e ambientalmente sostenibile, il problema dell'inquinamento indoor», ha detto Mancuso, spiegando che altre grandi aziende hanno espresso interesse per il progetto. Secondo le stime di Pnat, se la "Fabbrica dell'Aria" entrasse in produzione a regime, un dispositivo come quello installato nel punto vendita di Unicoop Firenze potrebbe costare anche meno di diecimila euro. I dati raccolti da Pnat mostrano una riduzione degli inquinanti atmosferici del 98%.

Per Daniela Mori, presidente del consiglio di sorveglianza di Unicoop Firenze, «quando si fanno scelte per l'ambiente bisogna avere il coraggio di investire e di provare a capire se funziona». «Sono molto contento - ha spiegato Marco Pedroni, presidente di Coop Italia, presente all'inaugurazione della serra - faccio i complimenti a Stefano Mancuso e al suo gruppo, e alla cooperativa perché siete bravissimi e anticipatori di tante soluzioni per l'ambiente anche rispetto ad altre cooperative».